Ti trovi qui:

Home > Notizie

Notizie

Chiesto il carcere per tre giornalisti pugliesi accusati di aver diffamato l'ex ministra Bellanova. Il presidente dell'Odg, Bartoli: "Ora basta!"

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Sabato 22 Ottobre 2022

Sei mesi di reclusione per aver riportato la notizia della causa di lavoro promossa contro l'ex ministra Teresa Bellanova dal suo ex addetto stampa. È la richiesta che un pm onorario del tribunale di Lecce ha formulato al giudice monocratico al termine dell'udienza di dibattimento nei confronti di tre giornalisti, uno di La7, una del fattoquotidiano.it e una del Tempo, imputati per diffamazione a mezzo stampa dopo una querela presentata dall'ex ministra Bellanova.

Sulla vicenda dell'ex addetto stampa che aveva citato in giudizio l'esponente di Italia Viva per vedersi riconoscere il giusto inquadramento contrattuale e la giusta retribuzione c'è stata recentemente una sentenza della Corte d'Appello di Lecce che ha accolto le richieste del lavoratore e condannato l'ex ministra. Nonostante tutto, il procedimento penale per diffamazione a mezzo stampa, nel quale è imputato anche l'ex addetto stampa e per il quale la richiesta del pm onorario è di un anno di reclusione, va avanti.

Leggi tutto

 

Accolte le richieste di CNOG e USSI: la Lega Serie A integra il regolamento per i fotografi

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Sabato 01 Ottobre 2022

Recependo le richieste di modifica avanzate da Cnog e Ussi, la Lega Serie A ha comunicato di aver integrato il Regolamento per l'accesso negli stadi dei fotografi e che d'ora in poi sarà considerata anche la posizione di titolari di ditte individuali o società aventi per oggetto l'attività fotogiornalistica, previo accertamento dell'effettivo svolgimento non occasionale dell'attività di cronaca.

In particolare, nella nota diffusa ieri, si legge che all'articolo 4, paragrafo c, terzo punto, è stata introdotta la specifica per cui "previa verifica da parte del Consiglio Nazionale dei giornalisti e dell'Ussi dell'effettivo svolgimento dell'attività giornalistica prevalente di fotografo da parte del soggetto richiedente, sarà considerata idonea la certificazione presentata da coloro che svolgono attività nella forma di titolare di ditta individuale o di legale rappresentante di società, purché corredata dagli estremi di registrazione alla Camera di commercio e dalla attestazione dell'iscrizione e della regolare contribuzione all'INPS".

 

Presunzione d'innocenza: magistrati, giornalisti e avvocati a confronto a Trani

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Sabato 01 Ottobre 2022

“Presunzione d’innocenza: le tutele delle persone, il diritto di conoscere, il dovere di informare” è il titolo dell’evento organizzato dall’Ordine dei giornalisti della Puglia, in collaborazione con la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani e l'Ordine degli Avvocati di Trani, nell’ambito della Formazione Professionale Continua. L’apertura dell’incontro è stata affidata a Franco Cassano, presidente della Corte di Appello di Bari, e a Ludovico Vaccaro, procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Foggia.

Dopo i saluti istituzionali, l’evento sarà moderato da Piero Ricci, presidente dell’Ordine dei giornalisti della Puglia.

Leggi tutto

   

“Presunzione d’innocenza”, la Procura di Brindisi apre gli atti ai giornalisti

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Venerdì 16 Settembre 2022

La Procura di Brindisi rilascerà ai giornalisti copia degli atti giudiziari non più coperti dal segreto istruttorio, compresi i provvedimenti cautelari, per una corretta informazione e per garantire il corretto esercizio del diritto di cronaca.

La Procura ha applicato l'articolo 116 del Codice di procedura penale che consente a chiunque "vi abbia interesse di ottenere, a proprie spese, copie di singoli atti processuali". La richiesta può pervenire anche da "chi non è, e non è stato, parte del procedimento penale, e l'interesse di cui deve essere portatore può essere di qualsivoglia natura, purché apprezzabile e giuridicamente tutelato".

Quindi, di fatto, la norma comprende anche la professione giornalistica.

Leggi tutto

 

Taranto Calcio, Assostampa e Odg Puglia: «Grave la decisione di negare gli accrediti a testate 'non gradite'»

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Martedì 13 Settembre 2022

«Nelle tarda serata di sabato 10 settembre il Taranto FC 1927 ha comunicato, attraverso una telefonata del responsabile dell'ufficio stampa, ai direttori responsabili delle testate giornalistiche "Corriereditaranto.it" e "MondoRossoBlu.it", la mancata concessione degli accrediti richiesti per la gara di calcio Taranto -Catanzaro, in programma ieri». Così, in una nota congiunta, Associazione della Stampa e Ordine dei giornalisti di Puglia.

«In pratica – rilevano – è stato escluso l'accesso ai giornalisti e fotografi delle rispettive testate. A motivazione del diniego sono stati addotti non meglio precisati articoli pubblicati su entrambe le testate che la società, evidentemente, non ha gradito. Anzi, sembrerebbe che a detta della società l'accredito fornito ai cronisti e fotoreporter sia una concessione elargita alle testate editoriali».

Leggi tutto

   

Come pagare la quota annuale con

Logo PagoPACLICCA QUI

ORDINE DEI GIORNALISTI

Consiglio Regionale della Puglia

Strada Palazzo di Città, n.5
70122 – Bari
tel. 080.5223511
fax 080.5223502
ordine@og.puglia.it
PEC: ordinegiornalistipuglia@postecert.it

Apertura Al Pubblico

Lunedì - Mercoledì - Venerdì ore 9.00/14.00

Martedì - Giovedì ore 9.00/16.00

Coordinate Bancarie Odg Puglia
Banca Sella SPA
IBAN: IT88E0326841630000893017990

Bonifici dall’estero:
Codice SWIFT: SELBIT2BXXX

Accedi alla tua casella pec

Clicca qui per accedere alla tua casella PEC

Orari segreteria

Lunedì - Mercoledì - Venerdì, dalle 9 alle 14
Martedì - Giovedì, dalle 9 alle 16

Strada Palazzo di Città,5 - 70122 BARI
P.IVA 80017010721

EmailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel: 080 522 3511 - Fax: 080 522 3502