Ti trovi qui:

Home > Notizie

Notizie

La storia dell’informazione televisiva e radiofonica pugliese in un libro

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Sabato 19 Novembre 2022

Sarà presentato lunedì 28 novembre, dalle ore 10:30 nell’aula consiliare del Consiglio regionale della Regione Puglia il volume “Storia delle radio e delle tv locali in Puglia”.

Un’iniziativa di grande importanza e rilievo per la Puglia, votata da sempre alla pluralità dell’informazione. La ricerca, commissionata dal Corecom e condotta dall’Università di Bari, ripercorre per la prima volta ben 50 anni di storia dell’informazione locale, costellata da una miriade di testate televisive e radiofoniche e del loro impatto sulla formazione e sulla crescita dei pugliesi.

 

Formazione, a disposizione 12 crediti per il Forum dell’Informazione Cattolica

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Sabato 19 Novembre 2022

“Il ruolo delle comunità per una conversione ecologica inclusiva e generativa” è il titolo del XVII Forum dell'Informazione Cattolica per la custodia del Creato, organizzato da Greenaccord onlus, che si svolgerà a Bari nell’Auditorium Magrassi, in Corso Alcide de Gasperi 274/A, dal 25 al 27 novembre 2022.

Durante la Settimana Sociale tenutasi a Taranto lo scorso anno, la Chiesa italiana si è impegnata formalmente a promuovere la costituzione e la diffusione di “comunità energetiche” che, oltre a dotare gli edifici di energia rinnovabile, possono favorire le relazioni e fare “comunità” su un tema, la cura della casa comune, che sta a cuore alla società civile e alla Chiesa stessa.

Leggi tutto

 

Presunzione di innocenza e Le Iene. Bartoli: l’informazione professionale è altra cosa

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Sabato 19 Novembre 2022

“Continuiamo a ricevere richieste di intervento sulla vicenda che ha coinvolto il programma Le Iene – ha dichiarato il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti Carlo Bartoli, in merito alla nota vicenda che ha coinvolto il programma Mediaset – Non posso che ribadire quanto già affermato pubblicamente in diverse occasioni: ci sono programmi televisivi non giornalistici che quotidianamente violano il principio di presunzione di innocenza, in qualche caso con conseguenze drammatiche come accaduto di recente. L’informazione professionale è altra cosa, ha un perimetro deontologico, ha dei doveri da osservare, a partire dal linguaggio e dal rispetto delle persone. Quando questo non accade il giornalista può essere sottoposto a provvedimenti disciplinari nei modi stabiliti dalla legge. Per chi non è giornalista c’è la magistratura.”.

   

Programmi dell’accesso: ecco il bando. Scade il 27 novembre 2022

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Sabato 12 Novembre 2022

Scade alle 12 del 27 novembre 2022 il termine per partecipare alla selezione di quattro giornalisti che dovranno svolgere funzioni di tutor per i programmi dell'accesso in attuazione della convenzione tra Regione Puglia, Co.Re.Com. Puglia, Rai, Ordine dei giornalisti della Puglia, Assostampa Puglia e Master di giornalismo dell'Università degli Studi di Bari - Dipartimento For.Psi.Com.

Per partecipare i giornalisti, tra l’altro, devono essere in regola con l'obbligo formativo, con il pagamento delle quote d'iscrizione ed essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata. Il bando è visionabile e scaricabile cliccando qui.

 

Giornalismo, accesso alla professione anche senza testata. Il Cnog demanda agli ordini regionali

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Sabato 12 Novembre 2022

La professione giornalistica è cambiata profondamente e deve adeguarsi ai tempi. Per questo motivo, in attesa che il Parlamento prenda in considerazione le istanze riformatrici avanzate dalla categoria, l’Ordine dei giornalisti ritiene indispensabile aggiornare alcune modalità di accesso all’esame di Stato.  Il Consiglio nazionale, riunitosi l’8 novembre, ha varato, a maggioranza, una norma che consente, in via eccezionale e in casi specifici, l’avvio del praticantato anche in assenza di una testata e di un direttore responsabile.

Si tratta della revisione delle linee interpretative dell’art.34 della legge 69 del 1963. In base al nuovo testo i Consigli regionali dell’Ordine, nella loro autonomia, potranno procedere all’iscrizione al registro dei praticanti a seguito dell’accertamento del lavoro giornalistico svolto.

Leggi tutto

   

Come pagare la quota annuale con

Logo PagoPACLICCA QUI

ORDINE DEI GIORNALISTI

Consiglio Regionale della Puglia

Strada Palazzo di Città, n.5
70122 – Bari
tel. 080.5223511
fax 080.5223502
ordine@og.puglia.it
PEC: ordinegiornalistipuglia@postecert.it

Apertura Al Pubblico

Lunedì - Mercoledì - Venerdì ore 9.00/14.00

Martedì - Giovedì ore 9.00/16.00

Coordinate Bancarie Odg Puglia
Banca Sella SPA
IBAN: IT88E0326841630000893017990

Bonifici dall’estero:
Codice SWIFT: SELBIT2BXXX

Accedi alla tua casella pec

Clicca qui per accedere alla tua casella PEC

Orari segreteria

Lunedì - Mercoledì - Venerdì, dalle 9 alle 14
Martedì - Giovedì, dalle 9 alle 16

Strada Palazzo di Città,5 - 70122 BARI
P.IVA 80017010721

EmailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel: 080 522 3511 - Fax: 080 522 3502