Ti trovi qui:

Home > Notizie > Riforma della professione, presto un documento della Commissione speciale da discutere in Consiglio nazionale

Riforma della professione, presto un documento della Commissione speciale da discutere in Consiglio nazionale

Sabato 13 Maggio 2023

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Il presidente della Commissione speciale per la Riforma, Riccardo Arena, ha illustrato, nel corso della sessione del Consiglio nazionale dell’Ordine tenutati il 3 e 4 maggio, gli orientamenti generali  che stanno maturando a seguito del lungo e proficuo lavoro svolto dai commissari e dal confronto con tantissimi soggetti del mondo dell’informazione e del giornalismo.

La Commissione si avvia verso la definizione di un documento che dovrà essere oggetto di discussione nel Consiglio; nel frattempo, Arena ha anticipato alcuni aspetti della proposta, anche se ancora da definire nel dettaglio. Un’attenzione particolare riguarda la necessità di delineare i percorsi di accesso in modo che siano aderenti alla realtà attuale, caratterizzata da un ecosistema digitale ormai diffuso e articolato e dalla presenza crescente delle grandi piattaforme, non ultime quelle dell’intelligenza artificiale anche nel campo della produzione di contenuti per i media.

Un punto di partenza è la necessità di una adeguata preparazione culturale di base per poter avviare il praticantato giornalistico, per cui potrebbe essere utile prevedere  il possesso di una laurea almeno triennale. Discorso analogo per i canali di formazione ove, fermo restando quelli attuali, si potrebbe prevedere anche l’istituzione di una vera e propria laurea in giornalismo; anche se per questo sarebbero molti i soggetti da coinvolgere. È comunque emerso come in Italia manchi un percorso formativo universitario per la professione giornalistica, percorso che, in ogni caso, dovrebbe essere svolto in stretta cooperazione e con la supervisione dell’Ordine. Un altro punto considerato qualificante riguarda l’equiparazione alla preparazione di base prevista per le altre professioni: almeno un quinquennio – compresa la laurea triennale – è il periodo minimo ipotizzato.

Sul tema la discussione in Consiglio è stata ampia ed appassionata, anche nella parte relativa ai pubblicisti. Anche per loro si discute della possibilità di richiedere una laurea triennale come requisito per l’iscrizione all’albo, così come della necessità di un percorso formativo propedeutico durante il biennio che precede l’iscrizione all’Ordine.

Il dibattito sta per entrare nel vivo, nella consapevolezza che la decisione finale spetta al legislatore a cui, però, il Consiglio nazionale intende presentare  in tempi ragionevoli una proposta complessiva di riforma della legge 69 del 1963 istitutiva dell’Ordine. La parola torna alla Commissione speciale, che proseguirà il suo lavoro per mettere a punto quelle che al momento sono ipotesi di lavoro.

Come pagare la quota annuale con

Logo PagoPACLICCA QUI

ORDINE DEI GIORNALISTI

Consiglio Regionale della Puglia

Strada Palazzo di Città, n.5
70122 – Bari
tel. 080.5223511
fax 080.5223502
ordine@og.puglia.it
PEC: ordinegiornalistipuglia@postecert.it

Apertura Al Pubblico

Lunedì - Mercoledì - Venerdì ore 9.00/14.00

Martedì - Giovedì ore 9.00/16.00

Coordinate Bancarie Odg Puglia
Banca Sella SPA
IBAN: IT88E0326841630000893017990

Bonifici dall’estero:
Codice SWIFT: SELBIT2BXXX

Accedi alla tua casella pec

Clicca qui per accedere alla tua casella PEC

Orari segreteria

Lunedì - Mercoledì - Venerdì, dalle 9 alle 14
Martedì - Giovedì, dalle 9 alle 16

Strada Palazzo di Città,5 - 70122 BARI
P.IVA 80017010721

EmailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel: 080 522 3511 - Fax: 080 522 3502