Ti trovi qui:

Home > Notizie > Chiesto il carcere per tre giornalisti pugliesi accusati di aver diffamato l'ex ministra Bellanova. Il presidente dell'Odg, Bartoli: "Ora basta!"

Chiesto il carcere per tre giornalisti pugliesi accusati di aver diffamato l'ex ministra Bellanova. Il presidente dell'Odg, Bartoli: "Ora basta!"

Sabato 22 Ottobre 2022

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Sei mesi di reclusione per aver riportato la notizia della causa di lavoro promossa contro l'ex ministra Teresa Bellanova dal suo ex addetto stampa. È la richiesta che un pm onorario del tribunale di Lecce ha formulato al giudice monocratico al termine dell'udienza di dibattimento nei confronti di tre giornalisti, uno di La7, una del fattoquotidiano.it e una del Tempo, imputati per diffamazione a mezzo stampa dopo una querela presentata dall'ex ministra Bellanova.

Sulla vicenda dell'ex addetto stampa che aveva citato in giudizio l'esponente di Italia Viva per vedersi riconoscere il giusto inquadramento contrattuale e la giusta retribuzione c'è stata recentemente una sentenza della Corte d'Appello di Lecce che ha accolto le richieste del lavoratore e condannato l'ex ministra. Nonostante tutto, il procedimento penale per diffamazione a mezzo stampa, nel quale è imputato anche l'ex addetto stampa e per il quale la richiesta del pm onorario è di un anno di reclusione, va avanti.

“C’è da chiedersi in che Paese e in quale democrazia vogliamo vivere. Ancora una volta viene chiesta la pena del carcere per giornalisti che hanno semplicemente svolto il loro lavoro. Tra l’altro, nel caso in questione, i fatti erano acclarati - commenta il presidente dell'Ordine nazionale dei giornalisti, Carlo Bartoli - Abbiamo avuto la pronuncia della Corte Costituzionale e numerosi richiami dalle istituzioni europee per il permanere della pena detentiva per il reato di diffamazione a mezzo stampa. Troviamo quindi inaccettabile che, per una vicenda abbastanza chiara, come quella relativa al “caso” Bellanova, un magistrato chieda ben sei mesi di reclusione per i giornalisti. Auspichiamo - conclude il presidente Bartoli - che il nuovo Parlamento metta una volta per tutte la parola fine a questa aberrazione.”

“Continua il corto circuito di una legge che va modificata, anche di fronte ad un pronunciamento netto della Corte Costituzionale - osserva il presidente dell'Ordine dei giornalisti della Puglia, Piero Ricci - il carcere per i giornalisti è un'aberrazione che si perpetua e che fa scivolare l'Italia in basso nella classifica dei Paesi che non tutelano adeguatamente la libertà di stampa".

Come pagare la quota annuale con

Logo PagoPACLICCA QUI

ORDINE DEI GIORNALISTI

Consiglio Regionale della Puglia

Strada Palazzo di Città, n.5
70122 – Bari
tel. 080.5223511
fax 080.5223502
ordine@og.puglia.it
PEC: ordinegiornalistipuglia@postecert.it

Apertura Al Pubblico

Lunedì - Mercoledì - Venerdì ore 9.00/14.00

Martedì - Giovedì ore 9.00/16.00

Coordinate Bancarie Odg Puglia
Banca Sella SPA
IBAN: IT88E0326841630000893017990

Bonifici dall’estero:
Codice SWIFT: SELBIT2BXXX

Accedi alla tua casella pec

Clicca qui per accedere alla tua casella PEC

Orari segreteria

Lunedì - Mercoledì - Venerdì, dalle 9 alle 14
Martedì - Giovedì, dalle 9 alle 16

Strada Palazzo di Città,5 - 70122 BARI
P.IVA 80017010721

EmailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel: 080 522 3511 - Fax: 080 522 3502