Ti trovi qui:

Home > Notizie > Emiliano indagato e fuga di notizie, l’Ordine dei giornalisti di Puglia chiede gli atti alla Procura: “Fatto gravissimo, se l’autore è un giornalista va deferito al Consiglio di disciplina”

Emiliano indagato e fuga di notizie, l’Ordine dei giornalisti di Puglia chiede gli atti alla Procura: “Fatto gravissimo, se l’autore è un giornalista va deferito al Consiglio di disciplina”

Giovedì 11 Aprile 2019

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

L'Ordine dei giornalisti della Puglia ha chiesto al procuratore della Repubblica di Bari, Giuseppe Volpe se la persona che ha rivelato il segreto istruttorio su un'indagine a carico del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, è un giornalista. Ed ha chiesto, nel rispetto delle leggi e della riservatezza necessaria delle indagini, di conoscerne l'identità e di trasmettere gli atti necessari per avviare un eventuale procedimento disciplinare per accertare la violazione delle regole deontologiche anche in assenza di ipotesi di reato.

"Se le indagini dovessero confermare il contenuto della denuncia del presidente Emiliano - dichiara il presidente dell'Ordine dei giornalisti della Puglia, Piero Ricci - la violazione sarebbe gravissima se commessa da un giornalista che ha precisi doveri di lealtà e di correttezza, oltre che l'obbligo di informare i cittadini senza tradirne la fiducia". 

ORDINE DEI GIORNALISTI

Consiglio Regionale della Puglia

Strada Palazzo di Città, n.5
70122 – Bari
tel. 080.5223511
fax 080.5223502
ordine@og.puglia.it
PEC: ordinegiornalistipuglia@postecert.it

Apertura Al Pubblico
da lunedì a venerdì 9.00/16.00

Coordinate Bancarie Odg Puglia
Banca Sella SPA
IBAN: IT88E0326841630000893017990

Bonifici dall’estero:
Codice SWIFT: SELBIT2BXXX

Conto corrente postale: 19215706

Accedi alla tua casella pec

Clicca qui per accedere alla tua casella PEC

Orari segreteria

Disponibile dal Lunedì al Venerdì, dalle 9 alle 16

Strada Palazzo di Città,5 - 70122 BARI
P.IVA 80017010721

EmailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel: 080 522 3511 - Fax: 080 522 3502