Ti trovi qui:

Home > Notizie > La solidarietà del Cnog ai colleghi della Gazzetta del Mezzogiorno

La solidarietà del Cnog ai colleghi della Gazzetta del Mezzogiorno

Attenzione: apre in una nuova finestra. Versione in pdfStampaE-mail

Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti riunito in Roma, d’intesa con i Consigli regionali di Puglia e Basilicata, esprime solidarietà e vicinanza ai colleghi della Gazzetta del Mezzogiorno in un momento drammatico nella storia di una delle più antiche e prestigiose testate del sud. I redattori del giornale oltre a trovarsi attualmente senza stipendio debbono fare i conti con prospettive incerte dopo il sequestro delle quote della Edisud dell’editore Ciancio Sanfilippo e il conseguente commissariamento dell’azienda.

La crisi della Gazzetta del Mezzogiorno purtroppo si inserisce in un preoccupante clima che, in tutto il Paese, vede minacciate l’occupazione, le condizioni di lavoro degli operatori dell’informazione e, più in generale, si caratterizza per un duro attacco nei confronti di testate e giornalisti minando alla base la libertà di stampa e di manifestazione del pensiero sancite dall’articolo 21 della Costituzione.

In tale contesto, nella speranza che possano trovarsi al più presto soluzioni atte a salvaguardare il posto di lavoro dei colleghi della Gazzetta e a consentire un futuro meno nebuloso alla testata, il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti fa suoi i ripetuti appelli lanciati dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha ricordato come un’informazione veramente libera e indipendente sia uno dei pilastri imprescindibili della nostra democrazia.

http://www.odg.it/la-solidarieta-del-cnog-ai-colleghi-della-gazzetta-del-mezzogiorno/31583

 

 

ricerca iscritto

ricerca iscritto

Cerca

Ricerca avanzata >>

Accedi alla tua casella pec

Clicca qui per accedere alla tua casella PEC

Orari segreteria

Disponibile dal Lunedì al Venerdì, dalle 9 alle 16

Strada Palazzo di Città,5 - 70122 BARI
P.IVA 80017010721

EmailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel: 080 522 3511 - Fax: 080 522 3502